TALK – Unvirtual realities – ITABC del CNR

A cura di CNR ISPC – Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale, nell’ambito del progetto H2020 SPICE (Social cohesion, Participation, and Inclusion through Cultural Engagement, GA 870811)

La visita fisica ad un sito, un castello o un monumento rimane insostituibile. Ma quando spostarsi non è possibile, allora cosa può avvicinare un’esperienza virtuale a quella reale, dal punto di vista perceUvo, emozionale, cognitivo e sociale? Come possono contribuire la ricerca, l’arte, il design a costruire una nuova generazione di applied games?

UnVirtual Realities è il workshop di Videogamelab che discute di questi temi, coinvolgendo ricercatori e sviluppatori di videogiochi, che si confronteranno sui nuovi approcci “ibridi” al patrimonio, tra reale e virtuale, tra esperienza da remoto e coinvolgimento personale. “UnVirtual” perché in questo mondo post-covid è aumentato l’interesse verso esperienze a distanza, digitali ma che siano in grado di avvicinarci alla realtà, anche attraverso l’ibridazione dei media e delle modalità di interazione, a nuove forme di esperienze come Interactive Stories, Immersive Theaters, Formazione in telepresenza, Collaborative Gaming, Hybrid Reality Experiences.

Un’esperienza reale si svolge con il corpo, i sensi, il cervello. Avviene nel momento stesso in cui ci troviamo immersi nella fisicità del mondo. Ma avviene soprattutto quando c’è attenzione. L’esperienza poi può diventare più coinvolgente e memorabile quando siamo in compagnia (socialità-linguaggio), quando interagiamo con ciò che ci sta intorno (interazioneembodiment) e con chi ci sta intorno, ci parla e ci guida (linguaggio – storytelling), quando ciò che viviamo entra in risonanza con noi e con le nostre esperienze (meaningfulness). I ricercatori negli ultimi anni sono arrivati ad alcune scoperte che possono essere preziose se utilizzate nel design dei sistemi interattivi e dei videogiochi. Artisti e designer di videogiochi hanno sperimentato nuovi modi di creare esperienze miste e coinvolgenti.

Ne parleranno:

Sofia Pescarin (CNR ISPC), UnVirtual Realities (post-covid)

Perla Gianni Falvo, Studi Uniti – Art Perception International

Giuseppe Mancini (Yonder), Red Rope: Don’t Fall Behind

Eva Pietroni (CNR ISPC), Realtà ibride: la vetrina olografica per i musei

Mauro Fanelli (MixedBag), Secret Oops!

Bruno Fanini (CNR ISPC), Le frontiere del social VR immersivo 

 

Viola Nicolucci (neuro psicologa), Attenzione e Videogiochi

AULA TALK / T1

giovedì 5 novembre h. 15.00 – 16.30